storie e idee di gusto

campi di grano con mani del contadino

Grani Antichi: dai un altro sapore al tuo pane!

Si parla spesso – e a volte a sproposito – di grani antichi ma cosa sono, da dove vengono e, soprattutto, perché vale la pena sceglierli?

Prima di scendere nel dettaglio, però, dobbiamo fare una piccola premessa: rispetto al passato, infatti, il nostro rapporto con il cibo è cambiato radicalmente.

All’inizio degli anni 50’ le bustine liofilizzate e le pillole sostitutive dei pasti erano il simbolo del cibo del futuro, un futuro in cui la tecnica ci avrebbe liberato per sempre dal problema di coltivare e cucinare e le aziende agricole sarebbero state rimpiazzate da freddi e sterili laboratori.

Oggi, invece, un alimento è tanto più contemporaneo quanto più è naturale. Naturale, genuino, autentico sono infatti le caratteristiche che deve avere un ingrediente o un piatto per attrarre un consumatore moderno.

Quindi si apre al ritorno alla tradizione, ai lavori abbandonati, al recupero di territori marginali, come quelli di montagna o molto ripidi, e alla disintossicazione dal cibo industriale.

Ed è proprio questo cambio di rotta che ci ha reso più disponibili ad accettare – ed integrare – nella nostra dieta cibi per lungo tempo dimenticati come, appunto, i grani antichi.

grano in un sacco di iuta

Grani Antichi: cosa sono

Non esiste un’unica definizione di grani antichi ma, per comodità, possiamo ritenere “antiche” le specie appartenenti al genere Triticum che erano consumate in passato e conservano – almeno in parte – una struttura genetica di tipo primordiale.

In questo gruppo, il farro monococco, addomesticato oltre 10.000 anni fa, è il più antico di tutti e quello geneticamente più semplice, con soli 14 cromosomi e caratteristiche panificatorie inferiori rispetto al comune farro dicocco (noto semplicemente come farro), che lo ha sostituito in popolarità già da prima dei romani ed è molto diffuso in Italia – prima in Europa per superficie coltivata, con oltre 1,3 milioni di ettari dedicati.

lavorazione dei lievitati con farine di grani antichi

Le caratteristiche per cui vale la pena sceglierli

A questo punto ti starai chiedendo quali sono le caratteristiche che rendono così speciali i grani antichi, al di là degli artifici della comunicazione.

Questi grani – come ad esempio Senatore Cappelli, Khorasan, Spelta e Saragolla, giusto per citarne alcuni – rappresentano una riserva fondamentale di biodiversità, una risorsa da valorizzare per territori che mal si adattano alla coltivazione intensiva e una grande potenzialità per la nuova generazione di panificatori artigianali, interessati al gusto e alle diverse consistenze che questi grani conferiscono al pane.

I grani antichi, infatti, sono generalmente sfruttati per ottenere farine intere o integrali, che regalano pani dalla crosta più croccante e con una migliore alveolatura, oltre che più bassi e durevoli.

Anche se ciò è dovuto principalmente al tipo di macinazione utilizzata, a cilindro oppure a pietra, che evita il surriscaldamento delle farine e quindi la conseguente perdita di caratteristiche organolettiche importanti.

Molti, dunque, i motivi per cui dovremmo utilizzare i grani antichi nella produzione di pane, pizza, focacce ed altri elaborati, paste comprese.

3 varietà di Grani Antichi di cui non potrai più fare a meno

Ma quali sono le tipologie più facili da reperire in commercio e, soprattutto, che caratteristiche hanno?

Senatore Cappelli, giovane grano antico

Il Grano Senatore Cappelli è un grano duro ormai coltivato dal 1915. È una varietà di frumento rustica, apprezzata per le sue qualità, coltivata principalmente nelle regioni del Sud Italia.

Deriva dall’incrocio di più varietà, selezionandone le qualità migliori, a opera del genetista Nazareno Strampelli. È considerato un grano antico perché la selezione è avvenuta ben prima dell’avvento delle moderne tecnologie e dell’industrializzazione in campo agro-alimentare.

Inoltre, conserva le caratteristiche dei grani antichi: spiga alta, resistenza, rusticità e ottime proprietà nutritive. Con la farina di Grano Senatore Cappelli, si ottengono pani compatti e fragranti, che ripropongono il sapore di un tempo

Sacco di kamut con cucchiaio di legno su tavolo

Grano Khorasan o Kamut, dall’aroma intenso

Anche il Grano Khorasan è un cereale antico, le cui origini risalgono all’Egitto. Era, infatti, coltivato in questa regione già 6000 anni fa. Il suo nome scientifico è Triticum Turanicum e sembra sia una delle pochissime specie a non aver subito ibridazione o modifiche genetiche.

È una pianta molto alta e le cariossidi hanno dimensioni maggiori rispetto al comune frumento. Dalla macinazione si ottiene una farina ambrata e molto profumata, il cui aroma ricorda molto quello della nocciola. È perfetto per preparare pane, pasta e anche dolci, a cui conferisce un aroma inconfondibile.

Farro Spelta, un’eccellenza riscoperta

Il Farro Spelta (o Farro grande) ha origini avvolte nel mistero, le prime tracce della coltivazione del farro spelta in Europa e nel Medio Oriente risalgono a circa 8.000 anni fa. È un cereale molto apprezzato da tedeschi, svizzeri e austriaci grazie al suo sapore naturalmente dolce, che ricorda la noce, e alla consistenza più leggera rispetto ad altri cereali integrali.

Il Triticum Spelta è un ibrido di un’antenato del frumento e del farro, e combina il meglio di questi due cereali, superandoli addirittura per alcuni aspetti. A differenza del frumento, infatti, mantiene la crusca esterna che protegge il chicco da agenti inquinanti e la aiuta a conservare freschezza e potere nutritivo.

Il mercato dei Grani Antichi in Italia

Queste sono le 3 principali varietà attualmente in circolazione. Ma come qual è l’entità del mercato in Italia? Secondo un’analisi di Coldiretti – Ottobre 2020 – effettuata sui dati Ismea, la produzione di grani antichi è in forte crescita.

Un aumento che può essere attribuito alla tendenza dei consumatori a ricercare prodotti Made in Italy, costituiti al 100% da grano italiano. Sempre secondo questo studio, le nuove norme sull’etichettatura stanno finalmente aiutando i consumatori ad acquistare consapevolmente. Tracciabilità e trasparenza sono due elementi che i consumatori ricercano, premiando i produttori italiani.

Aziende che lavorano Grani Antichi: i custodi della biodiversità

A proposito di produttori, conosci già alcune realtà che lavorano grani antichi? In Friuli-Venezia Giulia, ad esempio, c’è l’Antico Molino Persello, che dai primi del 900’ – sulle colline di Colloredo di Mont’Albano – lavora con immutabile passione solo grani locali e antichi, anche grazie alla stretta collaborazione con la Cooperativa #GraniAntichiFVG, che ricerca e seleziona le migliori varietà del passato, allo scopo di preservarne la storia e l’identità.

In Veneto, invece, troviamo il Molino degli Euganei, promotore di una filiera produttiva a km0 e anch’esso impegnato nella valorizzazione di grani da antiche varietà.

Scegliere la tipologia di grano più adatta alle tue esigenze, talvolta, può risultare difficile. Ecco dunque che è importante tu conduca delle prove, magari richiedendo delle campionature direttamente su Soplaya oppure facendoti aiutare da uno dei nostri consulenti specializzati, che saprà assisterti in ogni fase del processo d’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti...

i ragazzi del blog di soplaya Siamo i ragazzi di Soplaya, il mercato digitale che unisce chef e negozianti con i migliori produttori locali e nazionali, rendendo la filiera agroalimentare più sostenibile ed efficiente. L’idea di aprire il Blog è nata dalla volontà di offrire ai nostri clienti e in generale agli appassionati del settore, un luogo d’informazione gratuito, ricco di notizie utili, legate tanto alle singole specialità enogastronomiche quanto agli ultimi trend in fatto di cibo.