Il primo blog di forniture per la ristorazione

Boom dei pesci d’acqua dolce: perché conviene inserirli in menù?

Con la pandemia, molti ristoranti sono stati costretti a rivedere la propria offerta gastronomica alla luce delle nuove abitudini dei consumatori, sempre più esigenti e sensibili a concetti quali benessere e sostenibilità.

In particolare, tra le categorie merceologiche che, più di tutte, hanno registrato una crescita considerevole rispetto al periodo pre-pandemico, spicca il pesce. Secondo una recente analisi Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), a fine 2020 il comparto ittico è cresciuto del +6,7% rispetto al 2019; un dato interessante che, oltre al fresco, comprende anche surgelati, conserve e preparazioni affumicate.

E nonostante il pesce di mare faccia ancora da “capo fila”, sempre più ristoratori decidono di valorizzare il pescato d’acqua dolce, attingendo dai numerosi allevamenti distribuiti sul suolo nazionale – si tratta perlopiù di piccole realtà, in attività da pochi anni, con sistemi produttivi a basso impatto ambientale.

Pesci d’acqua dolce: 4 motivi che spingono i tuoi colleghi a preferirli

Se ti stai chiedendo quali siano i reali motivi che hanno spinto – e stanno spingendo – i tuoi colleghi ad un “cambio di rotta” rispetto al passato, di seguito ti esponiamo i principali:

  • Convenienza economica: i pesci d’acqua dolce hanno un costo inferiore rispetto a quelli d’acqua salata e ciò si riflette inevitabilmente sul food-cost che, essendo più contenuto, garantisce margini superiori
  • Sostenibilità ambientale: gli allevamenti di pesci d’acqua dolce, collocati in prossimità di fiumi e laghi, sono spesso di “nuova generazione” e prevedono impianti a basso impatto ambientale
  • Facilità di approvvigionamento: grazie ai numerosi allevamenti presenti in Italia, l’approvvigionamento di specie ittiche di acqua dolce è semplice e garantisce un servizio snello ed efficiente
  • Diversificazione del gusto: valorizzare nella propria cucina anche pesci d’acqua dolce oltre che salata, consente di offrire al proprio pubblico un’alternativa gustativa rispetto allo “standard”, rendendo così il menù più dinamico e appetibile.

Attorno ai pesci d’acqua dolce gravita, da sempre, un irragionevole pregiudizio, che li condanna ad essere considerati dei pesci di “Serie B”. Molti, infatti, li ritengono poco saporiti e per questo poco appetibili al grande pubblico.

In realtà, se opportunamente trattati, i pesci d’acqua dolce possono dar luogo ad abbinamenti davvero sorprendenti.

I due pesci d’acqua dolce che stanno conquistando gli Chef

Nelle prossime righe ti presenterò due specie ittiche d’acqua dolce particolarmente versatili in cucina, presenti anche a stato selvatico in tutto il Nord-Italia: la trota e il salmerino.

In particolare, andremo ad analizzarne pregi, differenze organolettiche e convenienza del loro utilizzo in cucina.

La trota, il salmonide più diffuso

La trota è il salmonide più diffuso in Italia, nelle varietà Iridea, Fario e Marmorata. Si tratta di un pesce carnivoro, che si ciba essenzialmente di insetti e piccoli crostacei. Le sue carni sono compatte e delicate, dall’aroma piacevolmente muschiato.

In Italia, l’allevamento della trota è iniziato negli anni 60’ e nel tempo ha raggiunto livelli d’eccellenza tali che oltre il 25% della produzione nazionale è destinato all’export e, quindi, alle tavole più importanti d’Europa. E anche in Friuli-Venezia Giulia, l’allevamento della trota è un fenomeno piuttosto diffuso, con alcune realtà di punta, tra cui: Friultrota, La Trota di Sterpo e Società Agricola la Trute e Trota Zea.

La trota, solitamente, viene venduta fresca (intera o sfilettata), affumicata o in conserva nella versione “bianca” o “salmonata”.

Indipendentemente dal formato di vendita, ecco alcuni vantaggi che otterresti dall’inserire la trota nel tuo menù:

  • Ha un costo ridotto rispetto alla maggior parte delle altre specie ittiche
  • È versatile e si presta a più preparazioni
  • Ha una buona resa in cottura, con perdite minime
  • Può essere sottoposta a diverse tecniche di cottura (dal forno, alla griglia fino al sous-vide)
  • È ottima anche da cruda, consumata sotto forma di carpaccio
  • È facile da reperire e a Km0

Il salmerino, l’eccellenza delle Alpi

Il salmerino è un pesce d’acqua dolce che popola fiumi e laghi di montagna, dove l’acqua è notoriamente più fredda. Anch’esso appartiene alla famiglia dei salmonidi ed è considerato un “pesce predatore”.

Analogamente alla trota, si ciba di insetti, piccoli pesci, molluschi e crostacei, che conferiscono alle sue carni un gusto ancora più intenso e caratteristico. Si tratta di una vera e propria eccellenza ittica di montagna che, di recente, ha riconquistato l’Alta Cucina.

Tra i vantaggi derivanti dall’utilizzare in cucina il salmerino ti ricordiamo:

  • Si tratta di un’autentica eccellenza, che ti aiuterà a distinguerti dalla concorrenza
  • La sua presenza sul menù crea curiosità e attira anche i palati più raffinati
  • Servito sotto forma di cruditè difficilmente si dimentica
  • Ha una buona resa in cottura
  • Si tratta di un prodotto locale, che non necessita di spiegazioni

Le Aziende specializzate nell’allevamento di salmerini sono poche. In Friuli-Venezia Giulia, ad esempio, esiste dal 1962 la Società Agricola La Trute, che alleva trote salmonate e salmerini con l’acqua di risorgiva che sgorga dal Monte Zoncolan; un’acqua pura, che favorisce la crescita dei pesci e ne assicura la qualità.

Trota e salmerino, i pesci ideali per il tuo menù di Primavera

I buoni motivi per creare un menù di Primavera incentrato su trota e salmerino non finiscono qui: entrambi, infatti, possiedono un basso contenuto calorico – 118 Kcal/100gr. per la trota e 181 Kcal/100gr. per il salmerino – che li rende particolarmente adatti ad essere consumati durante tutta la bella stagione, dove la preferenza ricade su piatti freschi e leggeri.

Su Soplaya puoi trovare trote e salmerini da allevamenti locali, alimentati con mangimi naturali e cresciuti in acque fresche e pure. Dai una svolta al tuo menù, accedi sull’app di Soplaya e valorizza i pesci d’acqua dolce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe piacerti...

i ragazzi del blog di soplaya Siamo i ragazzi di Soplaya, il mercato digitale che unisce chef e negozianti con i migliori produttori locali e nazionali, rendendo la filiera agroalimentare più sostenibile ed efficiente. L’idea di aprire il Blog è nata dalla volontà di offrire ai nostri clienti e in generale agli appassionati del settore, un luogo d’informazione gratuito, ricco di notizie utili, legate tanto alle singole specialità enogastronomiche quanto agli ultimi trend in fatto di cibo.

VUOI SEMPLIFICARE LE TUE FORNITURE?

X